Privacy Policy

Saro’ rapido ma colpiro’ dritto al punto, crearsi un kit Survival, oggigiorno, da avere sempre in auto, magari sotto al sedile o in moto, e’ spesso di grande aiuto, non solo “pratico” ma anche mentale. Tenere allenata la mente e’ gran cosa, poiche’, se vi creerete un Survival KiT per voi stessi o per altri, vedrete che ripenserete spesso a cio’ che avete inserito all’interno. Questo vi indurra’ a “pensare” spesso all’oggettistica Survival, quindi in caso di pericolo estremo sapreste ricrearvelo nel bosco anche se non l’avrete preso con voi… SURVIVAL KIT Essenziale:
Per un SurvivaL Kit decente dovrete non badare a spese, nel senso che EVITATE di andare in qualche discount per comprare le forbicine ad esempio e spendeteci invece soldi per infilarne un paio di ottima fattura nel kit. Cosa vuol dire?.. Cio’ significa che non dovrete mai , e dico mai.. sottovalutare la qualita’ in caso di bisogno. Ricordatevi che se ce ne fosse la necessita’, non resisterete ad una forbicina che si arrugginisce o si rompe.. i nervi vi salterebbero, e per cosa? per aver magari risparmiato qualche euro. NO le cose se fatte, vanno fatte per bene. Stiamo parlando di SURVIVAL non di una gita domenicale tra i boschi.
IL KIT: Qualita’ massima per tutto: -Coperta Blankette Virginia Outdoor d’emergenza di colore cromatico. (COPERTA TERMICA) -Una bussola (meglio due..) -due pilette a L.E.D. leggere e divise dalle batterie. -Un fischietto da arbitro -5 Spille da balia -una lente -due lacci da scarpe -un nastro isolante nero -forbicine per unghie buone -uno specchiettino piccolo -un blocchettino notes con una matita – 1 sega portatile meglio Virginia Outdoor OPPURE SEGA A FILO BUONA -uno spray al peperoncino – 4 candele tonde piccole -Un coltellino svizzero (quindi multiuso) -Una fotocopia della cartina della vostra regione e quelle confinanti a voi. -2 Profilattici (per l’acqua) [e per accendere il fuoco con il sole e l’acqua] -2 Moschettoni piccoli da portachiave.. -un K-way mini portatile -miniguida funghi e piante medicinali del bosco. -ACQUA::::: Pasticche per depurare l’acqua (per le nozioni su come depurarla in natura vedi i trattati nella sezione Nozioni Sopravvivenza) -FUOCO:::: 2Accendini pieni – 2 scatolette fiammiferi – 4 pasticchette prendifuoco-1 pietra focaia. -PESCA:::: 6 ami medi da pesca – 5 piombini – un filo da pesca fino a 8kg -CIBO:::: Per il cibo dovete essere poco schizzinosi, spero abbiate abituato un po’ il vostro corpo a mangiare meno, ci sono Funghi/Castagne/insetti (evitate quelli pelosi e quelli colorati)/ Faggiole/ Licheni/ More, lamponi, mirtilli e ribes, caccia e pesca. (mangiate il dentro delle Ghiande) VI RICORDO CHE: Dagli accendini una volta finiti potrete romperli e prendere le pietrine focaie che una volta unite fanno belle scintille… – I fiammiferi se bagnati potete passarli sui capelli (il grasso del cuoio capelluto mangia l’umidita’ sui fiammiferi) – per piccole ferite potete usare una tela del ragno, passandola sopra le ferite da appallottolata, gli enzimi che ha riesce a far coagulare quindi cicatrizzare il sangue – Per creare della colla nel bosco anche per le scarpe ecc.. prendete un po’ di resina e mischiatela con la cenere: Colla artigianale perfettamente funzionale – per fare una funicella per legare, sfilacciate un ramoscello ancora umido e unendole con altre create una cordicella – non mettete mai ad ardere un tronchetto senza dividerlo nel mezzo e senza levargli la corteccia, e’ pericoloso poiche’ crea scoppiettii che si fermano anche a due tre metri a volte con punte incandescenti, quindi pulire la legna da ardere e coprirla sempre dalle intemperie.
In un KIT si deve puntare molto anche al valore energetico e psicologico delle cose che inseriamo. Infatti si mette il The’….[RAGIONAMENTO: nel bosco.. l’infuso e’ frequente come il respirare.. con tutti i fiori che ci sono..
La gomma da masticare ad esempio da un tot di zuccheri e UCCIDE lo stress…….. La caramella e’ una bomba vitaminica per aiutare il corpo ad avere energia.. ecc…ecc…ecc..
C’e’ tantissimo da dire, ma ricordate, che e’ il vostro buon senso che crea un KIT Survival di Qualita’, ed e’ la vostra conoscenza a fare la differenza. Ora, non vorrei che il 20 DIC 2012 mi ritrovo fuori casa la fila con gli autubus per andare nei boschi (eh eh eh) quindi, Studiate ed interessatevi Gente, che l’ignoranza e’ una brutta malattia del mondo moderno in cui viviamo, specialmente per le nazioni “EVOLUTE”.. mi direte come?!.. Si, io l’ignoranza la catalogo per cio’ che uno sa’ fare in natura, non in societa’. Buona Lettura.
” PERCHE’ L’UOMO MUORE NEI BOSCHI?… PERCHE’ SI VERGOGNA..”