Privacy Policy

SOPRAVVIVENZA: IL FREDDO -SECONDA PARTE-

Poichè l'uomo non dispone, a differenza degli animali, di protezioni naturali (peli o piume) deve necessariamente proteggersi dal freddo con capi di vestiario che per conformazione e materiali costituiscano una barriera per il freddo. Lo scopo dell'abbigliamento è quello di isolare l'epidermide limitando la dispersione di calore. Mediante tessuti o idonee protezioni si cerca di creare un sottile strato d'aria che, riscaldato dal corpo, mantenga costante la temperatura (è quello che avviene grosso modo all'interno di una muta da sub). I migliori tessuti sono quelli con forte potere isolante ma leggeri...

Leggi tutto
SOPRAVVIVENZA: IL FREDDO -PRIMA PARTE-

Ho scritto tempo fa questo articolo per la Rivista Militare e ora ve lo ripropongo: "Il corpo umano ha una temperatura di 36,8 gradi centigradi. Qualsiasi variazione in più o in meno di questo valore provoca gravi danni: fino a 35° una persona conserva le facoltà mentali e la volontà di sopravvivere. A 34° appare confusione mentale e disorientamento; tra 31° e 29° si cade nell'incoscienza e poi nel coma; tra i 20° e i 18° l'elettroecefalogramma è piatto. La perdita di calore si verifica quando la temperatura esterna è molto bassa. Il corpo umano in questi casi reagisce prontamente...

Leggi tutto