A.S.D. SOS 2012® - Lazio, Lombardia, Toscana, Marche, Puglia, Sicilia
+39 347 632 1594

Corso di Archeologia Sperimentale

Prossimo Corso

8 - 9 Ottobre 2022
Costo: 130€
Durata: 2 Giorni
Difficoltà: -
Luogo: Presso i Laboratori di Survival School SOS2012 di Ardea (RM)
Corso di archeologia sperimentale

SURVIVAL SCHOOL SOS2012® SCUOLA FEDERALE FISSS in collaborazione con ASD BOSCO VILLAGE

(Scheggiatura, conciatura pelli e cucitura, realizzazione strumenti in osso, cordame e colle animali)
Dalla collaborazione tra Survival School SOS2012®, Scuola Federale FISSS (Federazione Italiana Survival Sportivo e Sperimentale) riconosciuta CONI e ASI, con Istruttori certificati internazionali EURETHICS/ETSIA, e PROMETHEUS Bushcraft Equipment di Andrea Papini, nasce questo corso, unico in Italia, che finalmente fonde due discipline strettamente correlate.
Istruttori: Marco Musco (Istruttore di tiro con arco UISP, Istruttore FISSS, appassionato di Archeologia Sperimentale), Andrea Papini (Artigiano del Cuoio, appassionato di Bushcraft Primitivo e Moderno, Studioso di strategie per l’Autosufficienza)
Presso i Laboratori di Survival School SOS2012 di Ardea (RM)
DURATA E COSTO: 2 Giorni, 130€
PER INFORMAZIONI E PRENOTAZIONI scrivici su Whatsapp al 3476321594 o chiamaci oppure scrivi ad info@sos2012.it
Cosa sono l’Archeologia sperimentale e la Sussistenza primitiva?
L’Archeologia Sperimentale è la disciplina scientifica che si occupa di ricostruire la cultura materiale e antropologica di chi ci ha preceduto, utilizzando la sperimentazione delle tecniche e delle pratiche, con gli strumenti dei nostri antenati nelle loro attività quotidiane.
In questo modo è possibile comprendere la catena operativa utilizzata per la loro realizzazione.
La replica viene eseguita attraverso un protocollo sperimentale, vale a dire, l’applicazione di una serie di procedure, utilizzabili ovunque e da chiunque, in modo che il risultato sia verificabile in qualsiasi contesto, garantendo la scientificità di tutto il processo.
Il replicare l’oggetto, pone il ricercatore in contatto diretto con le difficoltà e le possibili procedure che venivano adottare in quel tempo lontano, grazie all’utilizzo di strumenti e supporti più affini possibile.
Questo metodo, non solo permette di conoscere il modo in cui è stato realizzato l’artefatto, ma dà anche la straordinaria possibilità di immergersi in frammenti di culture passate tramite gesti e azioni, con l’intenzione di aumentare la comprensione riguardo i metodi utilizzati dai nostri avi.
Motivo per il quale “l’Archeologo Sperimentale” è uno speciale artigiano, con specifiche conoscenze in storia, archeologia, materiali e “mestieri”.
Il laboratorio di scheggiatura che presentiamo, nel primo giorno di corso, darà la possibilità ai partecipanti, di creare punte di freccia e lame in selce ed altri materiali, ricostruendo la cultura antropologica quotidiana della preistoria e ricongiungendosi con le nostre ataviche conoscenze.
Il secondo giorno di corso è dedicato alla Sussistenza Primitiva (PRIMITIVE BUSHCRAFT)
Sicuramente, la sussistenza, fu uno dei bisogno primari che spinse l’Uomo Primitivo verso Nord, alla ricerca di maggiori fonti di cibo, andando incontro al grande freddo, a cui non era affatto preparato.
Fu quello il momento in cui ebbe la necessità di proteggersi dalle intemperie e, le tecniche di lavorazione delle pelli, iniziarono a fare la loro prima comparsa e ad affermarsi come pratica consolidata, dandogli la possibilità di salvarsi da una estinzione certa.
Questa seconda parte del corso, ha come scopo quello di approfondire alcune Tecniche Primitive riguardo questo specifico argomento, partendo dalla storia delle tipologie di concia che vennero usate, sia a livello teorico che pratico nei nostri laboratori.
Processeremo le carni, per estrapolare e lavorare i tendini, che verranno utilizzati per creare del cordame.
Lavoreremo le ossa per ottenere aghi e lesine.
Insegneremo come produrre colle animali e quali sono i metodi per reperire le materie prime.
Infine, per dare un senso di compiutezza a questo processo, cuciremo con ago e filo, precedentemente realizzati, andando a comporre un contenitore in pelle animale.

Struttura del Corso

Giorno 1 di 2

– Riconoscere le materie prime adatte alla scheggiatura (la selce, il diaspro, l’ossidiana, le quarziti, vetro, ecc.);

– Analizzare le varie tecniche di scheggiatura (diretta, indiretta, pressione e ritocco) e le regole che determinano la determinano.

– Laboratorio pratico da parte dei partecipanti.

I partecipanti produrranno alcuni distacchi per ottenere vari strumenti, attraverso il ritocco a pressione, utili a realizzare i successivi manufatti.

La pratica sarà legata anche all’utilizzo di materiali di risulta, che spesso vengono ignorati, ma che, all’atto pratico della realizzazione di punte e lame, possono essere una valida risorsa.

Giorno 2 di 2

– Cenni storici sulla lavorazione delle pelli nella Preistoria

– I tipi di concia

– Come ricavare utensili dalla natura

– Creazione di un ago in osso

– Lavorazione dei tendini animali

– Le colle animali

– Tecniche di cucitura

– Creazione di un contenitore in pelliccia

Il corso è articolato su due giorni, sabato e domenica ed ha un costo di 130€ comprensivi di: quota associativa, fornitura dell'attrezzatura necessaria, diploma di partecipazione al corso.
Non è necessaria alcuna precedente esperienza.
PER INFORMAZIONI E PRENOTAZIONI scrivici su Whatsapp al 3476321594 o chiamaci oppure scrivi ad info@sos2012.it

Riserva ora il tuo posto!

Invia la richiesta di partecipazione a questo o ad un altro dei nostri corsi. Ti ricontatteremo in breve tempo comunicandoti le istruzioni per riservare il tuo posto.
Scroll to top